I cookie utilizzati ci aiutano a fornire i nostri servizi. Visitando il nostro sito web ne accetti l'utilizzo.

  • GPPB
  • GPDP
  • GAD
  • GCB
  • cogenerazioneAIEL
  • GIMIB

biomassplus scarica il manuale

biomassplussSCARICA MANUALE

biomasspluss Generale

Biomasspluss legna

SCARICA MANUALE

biomassplus   legna da ardere

Biomasspluss cippato

SCARICA MANUALE

biomasspluss Cippato

Sistema di certificazione Biomassplus BiomassPlus AB

Il nuovo sistema di certificazione biomasspluss nasce dal lavoro congiunto tra AIEL ed ENAMA con l’obiettivo di rendere per la prima volta operativo in Italia uno standard di qualità per la legna da ardere, il cippato e a breve anche per le bricchette, identificato da un marchio riconoscibile dal mercato.

Lo schema di certificazione Biomassplus è volontario e applicato a produttori o distributori di biocombustibili legnosi che ne fanno richiesta. Il produttore è il primo soggetto che immette sul mercato il prodotto certificato, secondo la norma ISO 17225-1 (quindi ad esempio un produttore di cippato, non di tronchi); il distributore certificato è il soggetto che acquista il prodotto da un produttore, necessariamente certificato, e lo vende all’utente finale.


ENAMA è l’organismo di certificazione accreditato che provvede all’ispezione e al rilascio della certificazione secondo lo schema Biomassplus; AIEL è il titolare esclusivo del marchio e lo rilascia alle aziende certificate dall’organismo di certificazione.
 

 SCARICA LA BROCHURE


 

Gli elementi qualificanti dello standard Biomassplus sono tre: 

  • Tracciabilità e legalità della biomassa legnosa. Lo schema prevede l’obbligo dell’adozione di un sistema di tracciabilità e di dovuta diligenza del materiale, come previsto dal Regolamento EUTR 995/2010 (Timber Regulation). Ogni produttore (P) e distributore (D) sarà dotato di un codice identificativo univoco (ID), applicato lungo il sistema di tracciabilità dei diversi lotti di prodotto codificati. Il sistema di tracciabilità consente all’organismo di certificazione di identificare le diverse fasi del processo produttivo e i fattori di rischio che possono influenzare la qualità e la provenienza del prodotto, così da permettere l’individuazione e la risoluzione dei punti critici del controllo.

  • Sostenibilità ambientale del prodotto. Ogni produttore o distributore certificato deve garantire di immettere in commercio un prodotto con un ciclo produttivo in grado di generare un risparmio di emissioni di CO2-eq almeno del 70% rispetto a quello del gas naturale, a parità di energia primaria.
  • Rispetto e mantenimento dei parametri di qualità. Lo schema prevede che il produttore e il distributore rispettino i requisiti qualitativi del prodotto, secondo quanto previsto dalla norma ISO 17225-1 e dalle parti specifiche dei diversi biocombustibili. Il processo produttivo dovrà essere monitorato internamente da un responsabile della qualità idoneamente formato. A questo elemento si aggiungono una serie di altri requisiti infrastrutturali minimi che l’azienda deve dimostrare di possedere per garantire la continuità della qualità certificata.

Lo schema di certificazione, oltre alle classi di qualità definite dalle norme (A1, A2 e B), può prevedere, per alcuni prodotti, una classe “plus” (A1+), con limiti più restrittivi rispetto a quelli della norma, volti a identificare prodotti di straordinaria qualità (ad esempio cippato per gassificatori, cippatino, legna da ardere molto secca). Gli elementi qualitativi verificati dallo schema di certificazione, così come descritto nel manuale, si possono quindi raggruppare nei seguenti 3 punti:

  • Qualità di prodotto
  • Qualità dell'impianto
  • Qualità di processo

Dall’attestazione di conformità alla certificazione Biomassplus

La domanda di biocombustibili solidi conformi alle norme tecniche vigenti si è fatta sempre più forte dopo l’introduzione dei requisiti qualitativi nei meccanismi incentivanti (Conto Termico, Certificati Bianchi, Conto elettrico) per gli impianti a biomasse non industriali (< 500 kWt). Parallelamente a questo si è strutturato un mercato con sempre maggiore esigenza di trasparenza e riconoscibilità della qualità dei biocombustibili, in conformità a quanto richiesto dagli impianti.
Per i biocombustibili legnosi diversi dal pellet, per il quale è già previsto l’uso di prodotto certificato da un ente terzo accreditato, ad oggi è richiesta la conformità alla norma ISO 17225, attraverso il rilascio di un’attestazione di conformità
prodotta da un laboratorio, su un campione prelevato dall’azienda. Questo sistema fino ad oggi è stato l’unico applicabile e richiedibile, in mancanza di uno schema di certificazione di terza terzo livello in grado di dare maggiori garanzie, sempre più richieste dal mercato e dal legislatore. 

Il manuale Biomassplus

Il Manuale Biomassplus è la linea guida che fornisce le istruzioni per l’ottenimento della certificazione e del marchio Biomassplus. È composto da una parte generale, comune alla certificazione di tutti i biocombustibili legnosi considerati, e da più parti speciali, una per biocombustibile certificabile.
Nella parte generale del manuale sono descritti i riferimenti normativi di base, i compiti del responsabile interno della qualità, il sistema di tracciabilità (EN 15234), l’etichettatura e l’identificazione del produttore e distributore e i criteri di sostenibilità ambientale. Oltre a questo sono definite le procedure di certificazione, distinte per produttore e distributore (presentazione domanda, ispezione iniziale, ispezioni di sorveglianza), e le modalità di rilascio e revoca della certificazione e della licenza d’uso del marchio.
Nella parte speciale, riferita al prodotto specifico, sono indicati i requisiti qualitativi del biocombustibile e quelli infrastrutturali che deve rispettare l’azienda. Con il raggiungimento delle classi di qualità più elevata (da B ad A1+), i requisiti per il rilascio del marchio si fanno via via più stringenti. Il manuale definisce inoltre le misure per assicurare la qualità del prodotto, le procedure interne di controllo della qualità e la documentazione da predisporre per le verifiche ispettive. Le caratteristiche qualitative del prodotto sono definite dalla ISO 17225-1, integrate, per le classi A1plus (A1+), con elementi di restrizione in termini di contenuto idrico e pezzatura. Va da se che per garantire la continuità della conformità del prodotto a queste classi più stringenti, sono previsti requisiti infrastrutturali e dotazionali maggiori, quali ad esempio sistemi di essiccazione forzata e di vagliatura.

 Lo schema seguente illustra in sintesi i requisiti strutturali e di processo richiesti per le diverse classi di qualità del prodotto da certificare. L’elenco completo è disponibile all’interno del Manuale Biomassplus – parte speciale.

 

A1 plus

A1

A2

B1

Formazione del Responsabile della Qualità

       

Adeguatezza dei mezzi per la trasformazione e movimentazione

       

Controlli interni: Contenuto idrico (M), Pezzatura (P), Massa volumica (BD)

       

Stoccaggio della materia prima in un fondo migliorato: favorire stagionatura naturale; dimensioni adeguate al volume commercializzato (per classe di qualità); pulizia del piazzale e delle macchine

       

Pavimentazione del fondo dove viene stoccato e movimentato il combustibile; separazione del materiale in base alla qualità; garanzia di non contaminazione

       

Adeguatezza degli eventuali mezzi per l'imballaggio o l'impacchettamento (big bag)

       

Infrastruttura coperta: adeguatezza della struttura e della logistica, in funzione del volume commercializzato

       

Sistema di essiccazione e vagliatura

       

 L’organismo di certificazione, durante la visita presso il produttore o il distributore, effettua il prelievo di un campione di biocombustibile, che viene poi inviato ad un laboratorio accreditato, il quale rilascia un certificato di analisi, elemento necessario ma non sufficiente per l’ottenimento del marchio. Il rilascio del marchio per una specifica classe di qualità prevede infatti che siano rispettati sia i requisiti di qualità intrinseca del materiale, sia i requisiti infrastrutturali, oltre ai requisiti legati alla qualità del processo.

Importanza della certificazione

 La certificazione permette di garantire continuità della qualità del prodotto e sostenibilità del processo produttivo, aiutando la crescita e il consolidamento della professionalità degli operatori. Se alcune biomasse sono tradizionalmente impiegate negli usi comuni, non è detto che il mercato sia trasparente e l’impiego sia corretto, per cui diventa quasi obbligatorio per il consumatore finale diventare quasi “un esperto” di biomasse, per evitare i problemi connessi alla qualità. La standardizzazione dei biocombustibili ad uso non industriale permette all'utente finale di riconoscere facilmente la qualità del prodotto acquistato. La certificazione di terzo livello contribuisce a rendere il mercato più trasparente e gli operatori più qualificati, in una logica di sviluppo del mercato sostenibile, sotto il profilo economico e ambientale, inclusa la qualità dell’aria, perché la standardizzazione del biocombustibile è uno dei parametri fondamentali per garantire le prestazioni di rendimento ed emissione dichiarate dai costruttori dei generatori e attese dagli utenti finali.

Prospettive Future

 Stando alle Direttive comunitarie, poi recepite dai vari Paesi membri, nell’imminente futuro ci si aspetta una significativa restrizione dei livelli di emissione consentiti per l’utilizzo di apparecchi domestici e caldaie a biomasse. Diventa quindi fondamentale, specie nel segmento domestico e civile, garantire al mercato biocombustibili di qualità elevata e facilmente riconoscibile. La sostenibilità ambientale della filiera di produzione dei biocombustibili rinnovabili è strategica nel confronto con i consumatori e le istituzioni, sempre più attenti a questa questione. La sfida per il settore è la rapida implementazione sul mercato della certificazione anche come elemento di maggiore competitività delle imprese italiane e stimolo alla sostenibile mobilizzazione della risorsa legno nazionale.

Per maggiori informazioni sullo schema di certificazione BiomassPlus, consultare il manuale o inviare una mail a negrin.aiel@cia.it

 

AZIENDE CERTIFICATE BIOMASSPLUS

COD. ID BIOMASSPLUS AZIENDA COMBUSTIBILE NORMA CLASSE QUALITA' RIVENDITORE CONTATTI RIVENDITORE
PIT 001 DI FILIPPO LEGNAMI S.R.L. LEGNA DA ARDERE ISO 17225-5 A1 DI FILIPPO LEGNAMI S.R.L. www.difilippo.biz
PIT 002 BIOMASS GREEN ENERGY CIPPATO ISO 17225-4 A2 BIOMASS GREEN ENERGY www.biomassgreenenergy.com
PBA 001 EKOFOCUS D.O.O. LEGNA DA ARDERE ISO 17225-5 A1 RONCHIATO GINO & C. S.N.C. www.ronchiato-legna.it
PBA 002 JASEN D.O.O. LEGNA DA ARDERE ISO 17225-5 B DI FILIPPO LEGNAMI S.R.L. www.difilippo.biz